• Redazione

Guidonia Montecelio. Davide Russo: “L’emergenza ha acuito le difficoltà sociali dei cittadini”




di Claudia Crocchianti -

L’Assessore con deleghe alle politiche sociali Davide Russo parla di questo periodo di crisi a causa del Covid 19 e spiega nei dettagli come con il Comune di Guidonia sta gestendo questa situazione.

Come sta affrontando l’Assessorato alle politiche sociali l’emergenza?

“L’emergenza coronavirus è un’emergenza per tutti, anche per le persone che già prima della pandemia vivevano in situazioni di fragilità. Sicuramente questa è un’emergenza sanitaria, ma sappiamo bene che la salute riguarda anche la sfera delle relazioni di ogni persona. Sono settimane impegnative, per tutti, io sono soprattutto per il mio Assessorato che nel giro di pochi giorni, insieme al personale del sociale, vede aumentare in modo esponenziale le richieste di aiuto e di informazioni. Siamo a disposizione ogni giorno e senza limiti d’orario. Si opera a tempo pieno, per dare soprattutto risposte giuste e il più possibile concrete. All’orario di lavoro dilatato nel tempo e alla mole di domande, a cui è necessario dare una risposta, si aggiunge anche un’ulteriore difficoltà. Quella della distanza fisica. In questo momento gli uffici sono in smart working e i dipendenti operano principalmente da casa e questo comporta passaggi ulteriori. Non nego che il telefono spesso inizia a squillare prima che diventi giorno e smette che è già notte. Non ci siamo fermati neppure durante le festività pasquali. Il personale amministrativo, gli assistenti sociali e il segretariato sociale in queste settimane non si sono fermati un giorno. Abbiamo iniziato a creare in primis una rete solidale interna fra gli uffici e successivamente una rete di solidarietà con la città per affrontare l’emergenza. Infatti da subito, grazie alla fattiva collaborazione delle Associazioni soprattutto della Croce Rossa e della Protezione Civile, abbiamo attivato da subito un intervento denominato 'Non sei solo' e il numero verde H24 800.90.84.84 per il servizio di informazione e assistenza, anche mediante la consegna della spesa a domicilio per le persone anziane e le persone disabili impossibilitate a muoversi. Nel contempo, si è cercato di far sì che chi già abitualmente vive una situazione di emergenza non si trovasse in ulteriore difficoltà. La rete di aiuto in queste settimane ha visto la partecipazione di tanti soggetti. Tutti pronti a remare dalla stessa parte insieme all’amministrazione comunale e ai servizi sociali. Ammetto che sono state tante le persone che si sono rese disponibili come volontari e un ringraziamento va anche a tutti i consiglieri comunali di maggioranza e minoranza. Ma non solo, anche i privati si sono messi a disposizioni, i gestori dei supermercati, e il Centro Agroalimentare. Le azioni poste in campo sono state diverse. Oltre a quelle già accennate abbiamo avviato anche il carrello della solidarietà”.

A Guidonia Montecelio quanti hanno richiesto i bonus spesa?

“Premetto che a differenza di tanti comuni, noi abbiamo scelto di utilizzare non i ticket o i buoni spesa prestampati, al fine di evitare contraffazioni. Abbiamo optato per una carta prepagata che limita solo ad acquisti di prima necessità e farmaci nel solo territorio di Guidonia Montecelio. I fondi ammontano complessivamente a 1.001.240,07 euro di cui € 645.279,05 da parte del Governo Nazionale e un contributo regionale di € 355.961,02. Abbiamo messo a punto anche un avviso pubblico per coinvolgere gli operatori commerciali del territorio a convenzionarsi con il comune e abbiamo chiesto di applicare uno sconto a coloro che utilizzano la card a partire del 10%. Hanno aderito in tanti tra supermercati e farmacie e grazie a questa azione, abbiamo dato la possibilità a chi beneficerà della card un potere d’acquisto più alto. A esempio su 100 euro il valore effettivo è di 110 euro. Grazie all’applicazione degli sconti da parte degli operatori commerciali, abbiamo fatto in modo che i beneficiari possano acquistare più beni di prima necessità traendone un maggior beneficio. È ovvio che abbiamo lasciato libertà ai beneficiari di acquistare in tutti gli esercizi commerciali di Guidonia Montecelio convenzionati e non. Per quanto riguarda i dati sui bonus spesa, agli uffici sono pervenute circa 2200 richieste. Dopo una prima verifica da parte degli uffici amministrativi sui dati dichiarati si è passati a un colloquio telefonico effettuato dagli assistenti sociali per verificarne la reale necessità. Dai primi quattro elenchi pubblicati, circa al 30% dei richiedenti non è stata concessa la card in quanto la maggior parte percepisce già un sostegno economico quale il reddito di cittadinanza o cassa integrazione. A oggi abbiamo pubblicato 4 elenchi e i beneficiari sono 929. È un lavoro immane quello che i gruppi di lavoro dei servizi sociali stanno portando avanti per vagliare tante richieste e vorrei esprimere un ringraziamento proprio a loro. Siamo orgogliosi di avere personale preparato e disponibile, infatti, a fronte delle moltissime richieste pervenute, l’area sta progressivamente effettuando ancora i controlli e le valutazioni necessarie, a blocchi di istruttorie concluse, anche per evitare assembramenti nella consegna”.

Che tipologia di famiglie lo hanno richiesto?

“Le difficoltà legate a questa emergenza sono le più svariate, ma la maggior parte sono persone che non percepiscono altri contributi economici di sostegno e non sono in possesso di Partita Iva. Abbiamo avuto anche diverse richieste da parte di commercianti e artigiani. Stiamo dando priorità alle famiglie con minori e disabilità che non hanno nessun reddito. Abbiamo tenuto fuori alcuni nuclei quali i camminanti, i rom del campo abusivo dell’Albuccione, alcuni occupanti abusivi delle località di Villalba e di Pichini in quanto non sono residenti per evitare soprattutto una duplice richiesta da parte loro. Per loro abbiamo previsto solamente la consegna di pacchi alimentari al fine di tutelare i minori e le persone più fragili. Ma i dati dettagliati potremmo averli soltanto alla conclusione dell’intervento e sicuramente dovremmo prendere atto delle nuove povertà”.

E il bonus affitti come lo sta gestendo?

“Subito dopo l’approvazione della Delibera regionale, abbiamo provveduto a pubblicare il bando per il bonus affitto. Intanto l’Area dei servizi sociali ha pubblicato la graduatoria definitiva per quanto riguarda il sostegno alla locazione per l’anno 2019. La Regione Lazio ci ha comunicato che provvederà in tempi brevi a trasferire i fondi che ammontano a più di 333mila euro. La maggior parte dei beneficiare percepirà 3.098,00 euro e questo sarà un grande sostegno per coloro che stanno affrontando questo periodo di difficoltà”.

238 visualizzazioni

©2020 di Tivoli Guidonia City. Creato con Wix.com