• Tivoli Guidonia City

Guidonia Montecelio: Lombardo-Masini è la sfida al ballottaggio



Sarà Lombardo-Masini la sfida al ballottaggio di domenica 26 giugno. Il primo turno delle elezioni comunali 2022 a Guidonia Montecelio ha sancito questo. Agli occhi salta anche il grande astensionismo: soltanto poco meno del 46% degli elettori è andato a votare. Questo la dice lunga sulla disaffezione dei cittadini nei confronti della politica. E questo dato deve far riflettere, tutti. Guidonia Montecelio, dunque, ha deciso di cambiare verso. Gli elettori guidoniani non hanno apprezzato il lavoro dell'amministrazione pentastellata e in generale non hanno voluto premiare l'unione con il PD e le forze progressiste, anche in virtù di un malcontento che attanaglia il Paese. Insomma, in larga scala nel nostro Paese la coalizione M5S-PD non piace.

Al di là dello scenario politico nazionale, che si riflette anche in ambito locale, dunque tra due domeniche Guidonia Montecelio avrà il suo nuovo sindaco. La "lotta" è tra il civico Mauro Lombardo, del Nuovo Polo Civico, appoggiato da sette liste civiche (Guidonia Montecelio Domani, Biplano, Consenso Civico, l’Onda, Civici, Città Nuova e Polo Civico) e il candidato del centrodestra Alfonso Masini, appoggiato da Tradizione e Sviluppo per Masini sindaco, Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia. Masini è riuscito a spuntarla sul candidato progressista Alberto Cuccuru per qualche centinaio di voti.

Mauro Lombardo ha ottenuto il 35,28% delle preferenze (con 10.756 voti), Alfonso Masini il 27,88% (con 8502 voti), Alberto Cuccuru il 27,26% (con 8313 voti) e Claudio Zarro il 9,58% (con 2920 voti). Nella Città dell'Aria il PD è il primo partito con il 18,83%, segue Fratelli d'Italia con il 13,70%. Ottima la performance della lista civica Lombardo Sindaco-Il Biplano con l'11,36%. Male il M5S con il 4,61% e Forza Italia con il 4.85%. Il partito di Berlusconi sta perdendo terreno all'interno della coalizione di centrodestra, la cui leadership, a livello di consensi, appartiene oggi a Fratelli d'Italia. Si mantiene a galla la Lega con il 7,90%, a conferma di come Matteo Salvini stia calando nel gradimento degli elettori.

131 visualizzazioni0 commenti