• Tivoli Guidonia City

Guidonia Montecelio vota il Sindaco: in arrivo le pagelle del mondo animalista




Alla futura classe amministrativa i cittadini chiedono un impegno concreto, le associazioni animaliste stilano un programma in 6 punti. Chi lo rispetterà?


A Guidonia Montecelio la spesa pubblica ha superato i 2 milioni di euro in questi ultimi cinque anni per sostenere il mantenimento dei cani abbandonati nei canili convenzionati e non si vede all’orizzonte alcuna strategia per una gestione attenta sia al benessere degli animali sia ai fondi dei cittadini.

Senza l’avvio di corrette politiche di prevenzione e contrasto al randagismo, questa cifra potrà solo aumentare, a danno di tutta la collettività.

Il comune di Guidonia è pronto a eleggere il nuovo sindaco, in uno scenario in cui in questi cinque anni una popolazione di cani e gatti randagi sono stati liberi di riprodursi senza sosta, foraggiando le tasche dei canili privati, a spese dei cittadini, delle casse comunali e della salute di centinaia di animali. A nulla sono valse le proteste di associazioni animaliste e dei cittadini locali, che in questi anni hanno richiesto a gran voce una politica di gestione in linea con la normativa nazionale e l’avvio di campagne di adozioni degli animali ospitati presso i canili convenzionati, unici strumenti fondamentali per ridurre i costi di spesa e per garantire il benessere animale.

Sebbene diversi progetti siano già stati attuati in tanti comuni limitrofi a Guidonia, che fin dai primi anni hanno portato ottimi risultati, nella passata Consiliatura, l’amministrazione comunale non ha mai preso seriamente in considerazione progetti per ridurre il problema degli animali vaganti sul territorio né di quelli già ricoverati nei canili.

Arriviamo da 5 anni in cui si è fatto ben poco per migliorare le condizioni di salute degli animali presenti sul nostro territorio e per ridurre i costi di mantenimento degli animali ricoverati nei canili privati convenzionati, che costano ai cittadini di Guidonia Montecelio oltre 400.000 euro l’anno” – denuncia l’associazione ALFA OdV, che continua “Dalla prossima consiliatura ci auguriamo una sensibilità e una competenza maggiore sul tema del benessere degli animali, un tema sul quale l’opinione pubblica è già sempre più attenta e che causa ingenti costi al nostro Comune”.

E così, mentre i cittadini attendono con speranza e fiducia la nomina del nuovo Sindaco e della giunta comunale, prevista per domenica 12 giugno, l’associazione animalista ALFA OdV stila un programma di impegni concreti che possano far diventare i diritti degli animali un tema importante per Guidonia nei prossimi cinque anni. Il programma, suddiviso in sei punti dettagliati, è in queste ore sottoposto a tutti i candidati dei partiti che si presenteranno alle elezioni di domenica 12 giugno.

La richiesta è chiara: l’applicazione delle norme nazionali volte a favorire una maggiore collaborazione tra associazioni e istituzioni. Un impegno concreto per la nuova classe politica affinché siano avviate campagne per le adozioni dei cani, l’approvazione di un Regolamento

Comunale per la Tutela e il Benessere animale, la corretta gestione sia delle colonie feline sia dei randagi sul territorio che ledono la sicurezza dei cittadini, la realizzazione di un canile comunale.

Al termine delle consultazioni, ALFA compilerà e divulgherà una “pagella” relativa a ciascun candidato a Sindaco e Consigliere comunale, indicando espressamente chi vorrà impegnarsi nell’avvio di corrette politiche per il benessere animale e chi dovesse tirarsene indietro.




176 visualizzazioni0 commenti