• Tivoli Guidonia City

Nasce il gruppo politico "Tivoli Partecipa" con l'obiettivo di unire le forze



Riceviamo e pubblichiamo:


E’ stato costituito il gruppo politico denominato “TIVOLI PARTECIPA”. Già nel nome e nel simbolo i promotori hanno voluto rimarcare il proprio DNA: la partecipazione dei cittadini per una crescita armonica e sostenibile della comunità. Fanno parte del gruppo anche i consiglieri comunali Nello De Santis e Alessandra Fidanza che, come molti degli aderenti, hanno sottoscritto il manifesto politico dei valori ed il programma elettorale scelto dagli elettori nelle ultime elezioni. I due consiglieri, che hanno già federato i loro gruppi, continueranno a sostenere quel manifesto e quel programma nelle commissioni e nelle sedute del consiglio comunale. Caratteristica fondante del gruppo è l’inclusività. Non è il momento della frammentazione. È invece il momento di unire le forze per confrontarsi, analizzare la realtà, proporre, cercando di rappresentare la società nel suo complesso. Nell’atto costitutivo i promotori ricordano come la politica debba essere rimessa al centro e che debba riprendersi il suo “primato”. Vedono Tivoli ancora divisa, socialmente ed urbanisticamente e la sognano unità e solidale. Pensano sia giusto valorizzare il merito senza lasciare indietro nessuno, tenendo sempre presente che è centrale la dignità della persona. Il gruppo ricorda i temi su cui Nello De Santis e Alessandra Fidanza hanno più volte sollecitato sindaco e consiglio comunale, chiedendo un cambio di passo: il bilancio e le politiche delle entrate; la scuola al centro cittadino; la mobilità ed i parcheggi; le modalità dei servizi offerti al cittadino; lo sfruttamento della risorsa termale; la progettazione di infrastrutture per unire i quartieri cittadini. Il gruppo costituito è aperto al confronto ed i promotori invitano coloro che condividono l’analisi e gli obiettivi dell’iniziativa ad aderire.


Costituzione gruppo politico “TIVOLI PARTECIPA”

La fase politico-amministrativa che stiamo vivendo sollecita delle riflessioni su come incidere sull’attuale consiliatura e su come contribuire a costruire una proposta politica credibile per il futuro. La coalizione che sostiene sindaco e giunta fatica a condividere le scelte e a far partecipare gruppi consigliari e forze politiche. Così la gestione ordinaria diventa per lo più "burocratica". E le scelte che richiedono un livello maggiore di analisi e di programmazione, quando si affrontano, vengono prese da pochi soggetti, senza partecipazione e senza coinvolgimento della Città. Pensiamo che, nel rispetto dei ruoli, la gestione dell’attività amministrativa debba essere collegiale, condivisa e partecipata. Spesso, invece, gli stessi consiglieri comunali non riescono ad esercitare realmente il loro ruolo di indirizzo e controllo. In questo quadro è importante verificare la tenuta della coalizione civica, vista l'impossibilità di ricandidatura di Proietti: amministrare in coalizione, senza avere una prospettiva politica futura comune, presenta certamente maggiori difficoltà. Non è il momento della frammentazione. È invece il momento di unire le forze per confrontarsi, analizzare la realtà, proporre, cercando di rappresentare la società nel suo complesso. Riteniamo che la politica debba essere rimessa al centro e che debba riprendersi il suo “primato”. Noi vogliamo una Città che cresca armonicamente.

65 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti